2 musicisti, 90 minuti, 1 titolo…Kahbum!!

Ieri pomeriggio navigavo sulle tranquille acque di internet alla ricerca di informazioni per un post. Cercavo notizie riguardanti serie tv a carattere musicale (ok, ho appena autospoilerato un mio prossimo articolo ma… vabbè pazienza) e invece ho trovato una cosa fighissima. Ho trovato Kahbum.

Kahbum è una web serie musicale tutta italiana in cui due musicisti si incontrano in uno studio di registrazione dove trovano una busta contenente un titolo. Da quel momento hanno a disposizione 90 minuti per dare una canzone a quel titolo.

Chiaramente il titolo in busta non è mai qualcosa di semplice tipo “sole cuore amore”, ma frasi come: “Se mi fa uno squillo ed io ti richiamo non puoi non rispondere”, “Sei come il glutine”, “Il cuore va nell’organico”, “Adotta un fascista”, “Nipoti dei fiori” e i musicisti coinvolti sono nomi più o meno noti del panorama indie italiano come Giancane, Roberto Angelini o Eugenio in Via di Gioia. 24 musicisti per 12 puntate.

La prima stagione si è conclusa nel luglio del 2016 e ha ricevuto numerosi apprezzamenti di pubblico e critica (ha vinto il Premio Drive Production al Taormina Film Fest 2016, il Premio Treccani Web Eccellenza del web e il premio MEI 2016 come Miglior Canale Youtube) ma io l’ho scoperta solo ora, drammaticamente in ritardo, e me ne sono subito innamorata perché realizza un principio che per me, in un mondo che appare così virtuale come quello di oggi, è sempre stato molto importante, ovvero quello del “fare rete”. Kahbum infatti punta sulla collaborazione e sulla cooperazione tra musicisti, che creano così qualche cosa di bello e di nuovo. Il contrario di tutto ciò che è la musica oggi in tv, ovvero i Talent Show: una competizione tra concorrenti che, con le loro esibizioni, ripetono per l’ennesima volta la stessa canzone.

Inoltre la serie soddisfa la curiosità di chi, come me, si è sempre chiesto: come nasce una canzone? Nasce da una parola? Una melodia? Una nota? Questi brevi incontri –  backstage ci fanno vedere lo spaccato di un processo creativo in maniera divertente e anche un po’ cazzeggiante.

Per chi vive a Roma e dintorni, Kahbum organizza anche serate live con la formula del Tutti per uno: i ragazzi di Kahbum scelgono due o tre artisti del panorama indie italiano a cui affidano la missione di comporre un pezzo su di uno titolo uguale per tutti. Questo accade 10 giorni prima dell’evento, dove le canzoni vengono poi suonate dal vivo per la prima volta. Metto qui sotto la loro pagina fb dove potete trovare tutti gli eventi.

https://www.facebook.com/kahbum/

Tra un po’ parte la seconda stagione (finanziata grazie ad una campagna di crowdfunding  sulla piattafomra Musicraiser). State all’erta!

Intanto vi lascio con il loro sito internet e i video di alcune collaborazioni.

Fanno ridere un sacco!

http://www.kahbum.it/

 

 

Annunci