Maggio 2018 seconda parte. Colonna sonora della stagione dei matrimoni

Questo fine settimana sono stata in terronia. Sono a scesa a casa (noi terroni emigrati al nord non torniamo a casa ma “scendiamo” a casa) per un lietissimo evento: il matrimonio di una cara coppia di amici.

ritratto-di-coppia-russa-felice
Diapositiva esemplificativa di una felice coppia di neo sposi

Ora, nonostante il bene che vuoi alla coppia, che conosci da più di un decennio e con cui hai condiviso viaggi, serate, mangiate, gite fuori porta, momenti belli ma anche brutti…il matrimonio sarà comunque uno sbattimento.

Sarà uno sbattimento per gli sposi che, con un tempo medio di organizzazione dell’evento che va da i due anni a l’anno e mezzo, dovranno impiegare ogni momento libero per la scelta della Chiesa, dei vestiti, delle bomboniere, dei gusti dei confetti e, soprattutto, della cosa in assoluto più commentata e giudicata: la sala del ricevimento e il cibo. Quindi ogni fine settimana sarà dedicato a setacciare i locali della zona collezionando preventivi e opzioni di menù.

E’ indubbio che per gli sposi sia un stress niente male dato che all’ansia del fatto in sé – ti stai legando ad una persona per tutta la vita…facendo anche promesse di un certo peso tale per cui…oh…davvero non c’è da dormirci la notte – si aggiunge l’ansia che alla festa tutto fili liscio e che gli amici si divertano.

Dal canto loro gli amici iniziano ad organizzarsi mesi prima barcamenandosi tra addii al nubilato/celibato, giorni di ferie a lavoro barattati con il capo in cambio di straordinari estivi, organizzazione di treni/macchine/aerei per raggiungere il luogo del lieto evento e vestiti…si…i vestiti sono la preoccupazione maggiore per le invitate.

Prima di tutto si cova il terrore che qualcun’altra abbia la tua stessa mise e, soprattutto, si perdono ore nella scelta delle scarpe che devo essere eleganti, alte ma comode. Beccare la scarpa alta ma comoda è un’impresa quasi impossibile e quindi, ricordando l’antico adagio “chi bella vuole apparire un poco deve soffrire” ho costretto il mio elegante piede numero 40 in una meravigliosa scarpa tacco 7 cm per gran parte della giornata. Nel momento in cui ho notato assenza di circolazione periferica nelle estremità inferiori e piedi gonfi come due zampogne, ho ceduto alle ballerine e come me hanno ceduto le mie amiche. Le scarpe fighe sono state relegate sotto il tavolo a favore di ballerine, scarpe da ginnastica, infradito e piedi scalzi…che per fare il trenino e ballare la macarena bisogna stare comode.

Il luogo comune che vuole i matrimoni al Sud colmi di cibo e di una durata non inferiore alle 12 ore, è stato confermato quando, vero le 16:30, l’amico bolognese verace, seduto al tavolo con me, scorgendo il menù disse: “beh dai, siamo quasi alla fine”…peccato che stesse leggendo solo il menù degli antipasti.

Quando parlo di “stagione dei matrimoni” non parlo solo del periodo dell’anno in cui i matrimoni si concentrano – che solitamente va da maggio a settembre anche se sta prendendo piede la moda del matrimonio il 31 dicembre, cosa gradita a molti perché salva dal problema dell’organizzazione di cosa fare la sera dell’ultimo dell’anno – ma parlo anche di stagione della vita. Quando sei tra i 30 e i 40 anni gli amici si sposano e, se sei una persona mediamente socievole, alcuni anni puoi arrivare a collezionare anche 7/8 inviti.

Devo però confessare che, nonostante tutto, a me i matrimoni piacciono.

Forse perché ho iniziato a selezionarli e, a meno che non ci siano cause di forza maggiore non imputabili alla mia volontà, vado solo ai matrimoni degli amici più stretti. Quelli per cui volentieri mi accoppo 14 ore di macchina in due giorni e 7 ore con le scarpe con i tacchi. Perché io poi le vedo queste coppie e penso che sono belli e felici e che un lieto fine c’è sempre ed è bello festeggiarlo circondati dalle persone che ti vogliono bene. Perché questi matrimoni diventano anche un po’ una rimpatriata, un’occasione speciale per stare insieme al tuo gruppo di amici che senti spesso ma che vedi poco perché la vita in città è frettolosa e gli impegni si accavallano e le occasioni per fare caciara tutti insieme non sono tante e così il matrimonio diventa una gita scolastica e torni bambino e anche un po’ cretino ma è tutto molto più bello di una gita scolastica perché c’è il cibo buono, il vino buono e a fine serata ti fai anche un sigaro accompagnato da cioccolato e rum. E pensi che in fin dei conti sei fortunata ad avere nella città in cui hai scelto di vivere gli stessi amici che avevi al paesello quando eri adolescente. E che le cose sono cambiate e ci sono fedi e figli ma vi volete bene e questo ti fa stare più sicura nel mondo. E poi hai amici che ai loro matrimoni non fanno il tavolo dei singles e di questo sei molto grata.

Va bene, ok…ma cosa ha in comune tutta questa sbrodolata sentimentale con il concetto di “colonna sonora” della stagione dei matrimoni?

Il romanticismo.

I matrimoni sono romantici per definizione e romantica deve essere la musica che ne accompagna i momenti salienti: l’entrata in Chiesa della sposa e il primo ballo della coppia.

Se cercate “musica da matrimonio” su Google, escono ben 28.300.000 risultati, quindi ce n’è per tutti i gusti: pop, rock, italiana, straniera, per la Chiesa, per l’ingresso degli sposi in sala, per il ballo con i genitori.

Se all’entrata in Chiesa della sposa l’Ave Maria di Schubert non ha rivali,

sul pezzo scelto per il primo ballo possiamo aprire una parentesi.

Per anni ed anni le fab four sono state queste:

con, a volte, la variante Jovanettiana:

Negli ultimi anni la canzone più suonata ai matrimoni credo sia stata questa  di Bruno Mars che vedete sotto, un po’ per il titolo, un po’ perché sui social è rimbalzato il video di un tizio che ha organizzato un flash mob su questa musica per fare la proposta alla sua amata. Questo video e questa canzone ci hanno sfracassato per mesi.

Poi esiste tutta una pletora di cantanti sdolcinati che vanno alla grandissima alle cerimonie: i Coldplay, Ed Sheeran, Eros Ramazzotti, Biagio Antonacci.

La scelta della coppia di amici di cui vi ho accennato è stata questa:

L’ho trovata originale, allegra e decisamente in linea con il loro carattere.

Alla fine tutto, anche la musica, rispecchia la personalità degli sposi.

Quindi, se tanto mi da tanto, al mio matrimonio, in un futuro più o meno lontano, probabilmente suoneranno questa!

Love is in the air!

150824609-43c8b1c5-6e45-4a65-8285-4f297d6fe684

 

Annunci

11 pensieri riguardo “Maggio 2018 seconda parte. Colonna sonora della stagione dei matrimoni

  1. Al mio matrimonio durante la cerimonia avevo 3 violini che ci hanno allietato in modo molto carino. Musica classica.
    Al pranzo ho delegato la scelta della musica al fratello, che conoscendomi bene aveva preparato musica ambient e house.
    🙂

    Mi piace

    1. Confermi quello che pensavo: la musica rispecchia la personalità e i gusti degli sposi e così deve essere. Al matrimonio terrone che dicevo abbiamo fatto caciara ma tutto dipende dall’atmosfera che si vuole creare e anche da fattori quali: il numero degli invitati, se il locale prevede uno spazio per il ballo e via dicendo.
      …credo che da grande farò al Wedding Planner :-D!

      Piace a 1 persona

      1. Haha.
        Mio fratello, viceversa, si è sposato con una pugliese (noi siamo di Padova) e per la musica ha ingaggiato una coppia (tastiera + voce) per una colonna sonora più melodica e ispirata al sud. A me è piaciuto parecchio.

        Piace a 1 persona

    1. Nuuuoooooooo!!!!!!Ma come ho fatto a dimenticare una delle canzoni del Jova più usate degli ultimi 10 anni??
      Si, effettivamente lui mette d’accordo tutti e poi c’è una sua canzone per ogni evento: dal matrimonio, alle dichiarazioni d’amore, al giorno di pioggia, alla nascita del pargolo, alle serate del sabato sera ecc ecc ecc….

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...